lunedì 14 febbraio 2011

lampi - 108


L'autore, questa fastidiosa inevitabile escrescenza appiccicata al testo.

6 commenti:

lil ha detto...

stupendo. uno dei tuoi lampi più belli :)

Daniz ha detto...

già sergio, uno dei migliori lampi. però è difficile strappare questa escrescenza dalla pagina. e, formati come siamo in lunga parte dal romanticismo, penso che l'autore a poco a poco soppianterà definitivamente la pagina

Anonimo ha detto...

Se non l'hai già fatto (come lascerebbe intendere questo lampo), leggiti J. Derrida.

sergej ha detto...

L'ho letto, Derrida. Purtroppo.

Anonimo ha detto...

Potresti argomentare? Mi interessa molto la tua opinione.

sergej ha detto...

era una boutade, più che un'opinione.
la realtà è che il pensiero post-strutturalista francese l'ho frequentato solo quel tanto che basta per capire che non è nelle mie corde.
ci ho provato con derrida, con foucault, con deleuze, un po' anche con lyotard o baudrillard. tutto molto interessante, anche affascinante, però io resto cartesiano, mi piacciono i concetti che si possono maneggiare, che hanno una forma precisa, che si incastrano l'uno nell'altro senza ambiguità.
quando leggo questi pensatori, ciò che mi rimane è l'impressione di splendidi giochi linguistici, di geniali panoplie metaforiche e simboliche, che però rimangono alla superficie, non affondano mai nel nocciolo, continuano a girare nella propria compiaciuta circolarità, e alla fine rimangono intercambiabili con i propri opposti.
ecco, forse mi riesce di apprezzarli meglio se li considero scrittori di letteratura, più che filosofi o pensatori.