venerdì 14 aprile 2017

aver capito qualcosa

Ieri, a Perugia, c'era ospite Stefano Dal Bianco, invitato da Umbria Poesia. Dal Bianco ha prima incontrato gli studenti del mio liceo e poi, insieme ad Anna Belozorovich e Tommaso Di Dio, ha parlato di "Poesia e danza".
Un bel pomeriggio, pieno di idee e di suggestioni.

Durante l'incontro con gli studenti del mio liceo (al quale hanno partecipato anche Maria Borio e Francesca Ippoliti), Stefano Dal Bianco ha detto una cosa che risuona molto con ciò che sto meditando negli ultimi tempi.
Ha detto (riassumo, sperando di rispettare lo spirito, se non la lettera delle sue parole) che una poesia, per quanto ben riuscita formalmente, non può limitarsi al catalogo delle sfighe private dell'autore. E invece è quello che il più delle volte capita: l'autore scrive "oh, quanto sto male", il lettore ci si riconosce, e morta lì (lo stesso vale anche se l'autore scrive "oh, quanto sto bene"). Rassicurante, certo, ma inutile.
Invece un poeta dovrebbe - parole testuali- "aver capito qualcosa del mondo". Dovrebbe poterci insegnare qualcosa, dirci perché siamo qui. Insomma, darci delle risposte. La letteratura, in origine, era un'attività sapienziale, e tali erano Dante, Shakespeare o Leopardi.

A quel punto ho capito perché negli ultimi tempi non mi va di scrivere, e infatti sono due o tre mesi che non scrivo praticamente niente, né ho voglia di farlo.