lunedì 5 luglio 2010

recensioni in pillole 59 - "Invisible Man"

Ralph W. Ellison, Invisible Man, Vintage Books, 1990 (581 pp.)

Come si fa a recensire un capolavoro della letteratura afroamericana del Novecento? Anzi, della letteratura americana del Novecento? Anzi, della letteratura americana tout-court? (E mi fermo qui, ma potrei andare avanti).
Potrei dire che “Invisible Man” è un potente ritratto dell'America anni Trenta, vista attraverso gli occhi di un ragazzo nero che, pieno all'inizio di speranze, le perde tutte, una ad una, fino a ridursi a uno spettro vagante (il celeberrimo attacco: “I am an invisible man”).
Oppure potrei dire che è l'Odissea trasposta nella Harlem Reinassance.
Oppure potrei dire che il romanzo ha una quantità di letture simboliche, ma che le fonde tutte in una narrazione allo stesso tempo picaresca ed epica.
O che è una delle più profonde e geniali riflessioni sull'identità afroamericana mai prodotte.
In poche parole: il protagonista-narratore, del quale mai viene rivelato il nome, all'inizio studia in un college per neri dell'Alabama, esplicitamente modellato sul Tuskeegee Institute frequentato da Ellison stesso. Per lui, giovane ambizioso ma ingenuo, intriso delle teorie sociali di Booker T. Washington, il college è il primo gradino della scalata sociale.
Invece la scala non sarà ascendente, ma discendente: prima perderà il diploma, poi la posizione sociale, poi il nome, infine la stessa identità. Si renderà conto che nessuno lo vede per quel che è: qualcuno lo vede come la speranza della razza nera, qualcuno come un leader rivoluzionario, o come un traditore dei neri, o come una marionetta da manovrare, o come uno stallone da portarsi a letto, o come un delinquente. Ma nessuno lo vede come un uomo.
Finirà per richiudersi in una cantina di New York, illuminata da 1369 lampadine alimentate abusivamente, ad ascoltare ossessivamente Louis Armstrong.
“Invisible Man” è l'unico romanzo pubblicato in vita da Ralph W. Ellison (1914-1994), ma è bastato per consegnarlo alla storia. Uscì nel 1952 e vinse il premio National Book Award l'anno dopo: tanto per dire, tra i concorrenti c'era “Il vecchio e il mare” di Hemingway.
Ne esiste una traduzione italiana recente (Einaudi 2009, 24 €), che non ho letto e della quale non conosco la qualità: ma consiglio a chi può di leggerlo in inglese, perché la lingua di Ellison riesce a rendere in maniera inimitabile accenti e tic linguistici di ciascun personaggio.

15 commenti:

lil ha detto...

mi hai davvero incuriosito... credo proprio che lo comprerò... :)

sergej ha detto...

infatti lo sto consigliando in giro da un po'. secondo me è un capolavoro.

. ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
sergej ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
. ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
. ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
. ha detto...

il bello dello scopire i numerosi vantaggi dell'essere invisibili.

e delegare la visibilità ai frutti del proprio lavoro. magari quello creativo

. ha detto...

pardon:scoprire. appunto

. ha detto...

Sorry Sergio, non so cosa sia successo. il mio commento non veniva visualizzato ed ora che torno vedo tutto quel casino. mi dispiace.
magari cancella pure tutto. tanto siamo tornati al punto di partenza: "La città dei topi" di Sergio Pasquandrea. scommetto che il protagonista dell' "Invisible man" abbia avuto la sua illuminazione e che sia risalito dalla sua cantina. magari trovandosi in una stanza d'albergo di un poeta. che l'ha preso per un topo e ha messo degli stracci bagnati per tappare il buco dell'entrata nella tana. per poi dedicarli una poesia.

. ha detto...

Sorry Sergio, non so cosa sia successo. il mio commento non veniva visualizzato ed ora che torno vedo tutto quel casino. mi dispiace.
magari cancella pure tutto. tanto siamo tornati al punto di partenza: "La città dei topi" di Sergio Pasquandrea. scommetto che il protagonista dell' "Invisible man" abbia avuto la sua illuminazione e che sia risalito dalla sua cantina. magari trovandosi in una stanza d'albergo di un poeta. che l'ha preso per un topo e ha messo degli stracci bagnati per tappare il buco dell'entrata nella sua tana. per poi dedicarli una poesia.

. ha detto...

Sorry Sergio, non so cosa sia successo. il mio commento non veniva visualizzato ed ora che torno vedo tutto quel casino. mi dispiace.
magari cancella pure tutto. tanto siamo tornati al punto di partenza: la tua "Città dei topi" . scommetto che il protagonista dell' "Invisible man" abbia avuto la sua illuminazione e che sia uscito dalla cantina. magari trovandosi in veste di un topo in una stanza d'albergo di un poeta. che ha messo degli stracci bagnati per tappare il buco d'entrata in sua tana, poi gli ha dedicato una poesia. l'ho letta qualche giorno fa, complimenti

. ha detto...

Sorry Sergio, non so cosa sia successo. il mio commento non veniva visualizzato ed ora che torno vedo tutto quel casino. mi dispiace.
magari cancella pure tutto. tanto siamo tornati al punto di partenza: la tua "Città dei topi" . scommetto che il protagonista dell' "Invisible man" abbia avuto la sua illuminazione e che sia uscito dalla cantina. magari trovandosi in veste di un topo in una stanza d'albergo di un poeta. che gli messo degli stracci bagnati per tappare il buco d'entrata in tana, poi li ha dedicato una poesia.

. ha detto...

Sorry Sergio, non so cosa sia successo. il mio commento non veniva visualizzato ed ora che torno vedo tutto quel casino. mi dispiace.
magari cancella pure tutto. tanto siamo tornati al punto di partenza: la tua "Città dei topi" . scommetto che il protagonista dell' "Invisible man" abbia avuto la sua illuminazione e che sia uscito dalla cantina. magari trovandosi in veste di topo in una stanza d'albergo di un poeta. che gli messo degli stracci bagnati per tappare il buco d'entrata in tana, poi li ha dedicato una poesia.

. ha detto...

computer impazzito. mi arrendo, sorry

sergej ha detto...

no, non era il tuo computer, era blogspot che oggi dava i numeri.
don't mind.