sabato 5 febbraio 2011

ultimi


No’ semo ji ultimi
che gimme a scola a piedi coi calzoni corti,
la cartella de fibra col guaderno
e ‘l grembiul nero col colletto e ‘l fiocco,
che c’emme sopra ‘l banco ‘l calamaro
e ‘nt’ la saccoccia ‘l pane nostro sciapo.

No’ semo ji ultimi
che giocamme a tappini e figurine
n’mezzo a le strade senz'avè paura
e gimme giù pe’ le scese a capoficco
sul carrozzon co’ i cuscinetti usati.

No’ semo ji ultimi
ch’em visto le botteghe
co’ i bocconotti sfusi ‘nt’i cassetti,
la saponina, la carta moschicida,
l’ojo che se comprava a butijine
e ‘l sale fraido drent’a la buca scura.

No’ semo ji ultimi
col sacchettin de la canfora sott’a la camigina
e ‘l santin per giunta, contro le fantignole,
che ce lavamme i ricci co’ l’aceto
e li lustramme co’ la brillantina.

No’ semo ji ultimi
che facemme festa pe’ ‘na pigna,
‘na merangola, ‘na melagrana,
ch’em visto ‘l rosso vero del cocomero,
grande, verde-nero, che scricchiava a tajallo.

No’ semo ji ultimi
che facemme i bomb’li col sapone
per colorà quele stradette buie
del centro, che nn’evon visto mai le farfalle,
ch’em visto ‘l car’ ch’i bovi a l’Alberata
‘nì su per recà ‘l mosto ta i padroni.

No’ semo ji ultimi
che sguillamme ch’i ferretti
sott’a le scarpe nove e rare.

No’ semo ji ultimi a sapè
quil che voleva dì nn’avecce gnente
e non sentisse poveri
sotto ‘sto cielo
‘n mezz’a ‘sti muri de ‘sta città.

(Giampiero Mirabassi)

2 commenti:

amanda ha detto...

bella, e la foto l'hai presa da internet o da un tuo album di famiglia?

sergej ha detto...

internet.
oltretutto, mirabassi è il padre di due ottimi musicisti jazz, gabriele (clarinettista) e giovanni (pianista)