giovedì 21 marzo 2013

lampi - 204


Quando, parlando con un sedicenne, dici: "È un libro recente".
Poi guardi la data: e vedi che è di vent'anni fa.
E ti accorgi che lui ti guarda strano.
E il triste è che, per te, il libro è davvero recente.
Lì, ti accorgi che stai invecchiando.

1 commento:

amanda ha detto...

son dolori