sabato 30 aprile 2011

lo studio è aperto (e il cervello è scappato)


Okay, precisiamo: questa non è mia, ma di un utente del forum di Tex Willer (del quale sono un appassionato frequentatore) che si firma Sunset, ma l'ho trovata talmente esilarante che, con il suo permesso, ho deciso di postarla qui.
Esilarante, come solo la realtà sa essere.
Buon divertimento.



Di solito [la puntata-tipo di "Studio Aperto"] è strutturata così:

-Apertura con il più efferato omicidio del momento: si parte con una musichetta strappalacrime, interviste ad amici e parenti che immancabilmente lodano il defunto. Se il colpevole è uno straniero, apriti cielo: è immancabile l'intervista ad un rumeno o marocchino, con la telecamera sfocata e le riprese dal basso verso l'alto (non esere sdati noi, noi esere onesti). A concludere, la filippica dell'inviato (era un angelo, ora è caccia all'uomo). Come possibile corollario, un'intervista alla voce del popolo (questi rumeni... stuprano, uccidono, che tornino al loro paese).

-Notizie politiche: Berlusconi assolto dai processi, un deputato PD coinvolto in uno scandalo, la Santanchè o La Russa ignobilmente aggrediti da Santoro, Travaglio ha un ascesso o un unghia incarnita, D'Alema con cachemire a Cortina. A volte ci scappa l'editoriale di Giordano, che si può riassumere così: Berlusconi ha ragione, Vendola è un frocio comunista (si sospetta che mangi i bambini assieme ad Emiliano), Bersani ha torto, i terroni e gli zingari ai loro paesi.

- Si torna alla cronaca nera: musichetta straziante, ecco il servizio su Yara o Sarah Scazzi o chi ne fa le veci in quel periodo. Inquadratura che parte dalla stanza delle poverette, con i peluche in primo piano, e procede intervistando qualsiasi essere umano che abbia perlomeno intravisto una volta nella sua vita la merce in oggetto (era un angelo, e ci è stato strappato... pena di morte!).

-Rumeno stupra un italiana: è caccia all'uomo. Intervista ad un sedicente esperto, che con assoluta nonchalanche declama che gli zingari c'hanno il furto e lo stupro nel DNA, e Bossi ha rrragggione a volerli cacciare.

-Parte il pezzo forte del tg: i servizi sul sociale. Immancabile il servizio sul meteo: se è estate, immagini di repertorio di gente che si getta nelle fontane e interviste a vecchi sudati e giovani cafoni (che tempo fa? fa caldoooooo). Se si è in inverno, si vede l'inviata (di solito Silvia Vada) in giro tutta infagottata a chiedere se fa freddo.

-Servizio sulla movida dei giovani. Se c'è al governo lo psiconano si vedono frotte di giovani belli, abbronzati e in forma: c'è chi va a mare, c'è chi si dedica al volontariato, c'è chi è con la fidanzata, c'è chi mangia un gelato... servizio rigorosamente a Riccione o a Capri.
Se invece al governo c'è Prodi o qualcuno che non sia il Berluska, ecco partire le tinte fosche, le riprese traballanti e incerte di punkabbestia e sballatoni dediti a fumare canne o a tracannare alcolici. L'inviata (di solito Silvia Vada) con la faccia funerea esclama: "Lo chiamano fumo/ecstasy/bamba/mdma, è la nuova droga del terzo millenio, ed ora vi mostro come è facile procurarsela". E si vede la sgambettante giornalista avvicinarsi ad un punkabbestia col cane, e domandare: avete la droga? si certo. Chiosa in sfumatura, con un'immagine distorta di giovani ragazzine ubriache marce in discoteca o sotto i portici. Servizio da fare rigorosamente nella rossa Bologna o nella terrona Napoli.

-Servizi vari ed eventuali, in base a ciò che offre il gossip: le tette della Arcuri, un gelataio a Rimini che ha inventato il gelato al carciofo (come vende? eh bene bene, la crisi non esiste), l'orsetto Knut allo zoo di Berlino che si accoppia/sente caldo/mangia i ghiaccioli/è morto, nozze di vip o pseudo tali (William e Kate è solo la punta dell'iceberg), fiera del ravanello ripieno a Venaria Reale, crisi coniugali, servizi pseudo scientifici sull'acceleratore di particelle a Ginevra, con intervista annessa ai napoletani (cos'è l'acceleratore? quello per accelerare) ecc. ecc.

-Un'agenzia di stampa batte la notizia dell'ultim'ora: omicidio in Val Padana, sospettato un senegalese. Si rinviano gli aggiornamenti all'edizione delle 18.40.

3 commenti:

amanda ha detto...

il problema è che tralasci il TG3 e quello di mitraglia su LA7 sono tutti così, quindi non li ascolto più, ho spento la TV ed ascolto GR3, prima pagina, radio 3 mondo

sergej ha detto...

io la tv la uso per i film e per i pupi, specialmente la grande che sta passando dai cartoni disney alla roba più seria: ultimamente spopolano l'odissea (quella rai anni '60, intendo: nelle ultime settimane avrò visto una quarantina di volte l'episodio di polifemo) e il pinocchio di comencini.
quanto ai telegiornali, il tg1 in quanto tg istituzionale cerca di mantenere una parvenza di dignità, poi ogni tanto ti piazza il colpaccio: l'editoriale di scodinzolini o, come ieri, 5 minuti di intervista al berlusca su giovanni paolo II.

Anonimo ha detto...

amare risate...