giovedì 29 settembre 2016

vita da editore

(per Antonio Lillo)

"Ecco il libro: è bellissimo, strafico",
e me lo porge. "È il mio."
"Lo leggo e poi ti dico".
"Non serve, dai: te l'ho già letto io".