mercoledì 4 giugno 2014

pane duro



Clicca qui per ascoltare (e scaricare) su DivShare


Ce vóte e ce rrevóte

Teneve raggióne tatagnóre
so' sembe i struppiète ca carrèiene i sène
i vòlepe ca fanna sckattà i chène arraiète.
U uì mo ca putesseme fa
nu poche d'armunìe
iè u mumende ca te scòcchiene i rine.
(Te voie vede a te a pazzià
c'u musse pe nderre
c'a vocca ndurzète de pène toste).
T'i rrecurde i belli fèmmene ca ièvene
freschianne a dumèneche de Pasque
cu quilli cosse longhe i menne pezzute.
Cum'iè ch'è tutte allascùrete
n'denime ndo ce puluzzà l'occhie
quann'iè ca ce sime fatte ccusì pèseme?


Si gira e si rigira // Aveva ragione mio nonno / sono sempre gli storpi che portano i sani / le volpi che fanno schiattare i cani arrabbiati. / Lo vedi adesso che potremmo fare / un po' di festa / è il momento che ti spezzano la schiena. / (Voglio vedere te a scherzare / col muso per terra / con la bocca strozzata di pane duro). / Te le ricordi le belle donne che andavano / a godersi il fresco la domenica di Pasqua / con quelle gambe lunghe i seni puntuti. / Come mai è tutto buio / non abbiamo dove pulirci gli occhi / quand'è che siamo diventati così pesanti?



nell'immagine: Salvator Dalì, La cesta de pan (1945)

3 commenti:

amanda ha detto...

è splendida

lillo ha detto...

"cosse" però non è proprio "gambe", casomai cosce, l'hai ingentilita :D

sergio pasquandrea ha detto...

no, nel mio dialetto "cosse" indica proprio, per sineddoche, le gambe, nella loro interezza, non le cosce.