domenica 24 marzo 2013

ci ho preso gusto



Questa di inserire le registrazioni delle poesie sta cominciando a piacermi. Adoro leggere ad alta voce, e lo sanno bene in miei alunni, poveracci.
Poi ho anche pensato a una cosa che scrisse una volta Daniele Barbieri (o forse me la disse proprio lui, di persona, chissà), cioè che aveva un problema, con la poesia dialettale: faticava a coglierne le sfumature, prima ancora che semantiche, sonore e timbriche. Che, come si sa, in poesia sono fondamentali.
Allora ho pensato: perché non leggere qualche poesia nel mio dialetto? Chissà, magari aiuta.
Intanto, cominciamo con questa e stiamo un po' a vedere.




REQUIA MATERNA

Ndanne sì ca cia truàvene sembe pe nnanze
c'a chèpe de morte c'u faveciune
ciu rrecurdàvene ch'amma chiegà u colle
tal'e quèle accum'i iallucce

u sa u sckande
a sendì a vocca ca ce ndoste
l'arie ca te sciosce jinde pe jinde
a sduacarce accum'e nna checòcce.

* * *

REQUIEM AETERNAM

Una volta sì che se la trovavano sempre davanti
con il teschio con il falcione
se lo ricordavano che piegheremo il collo
tale e quale come i pollastri

pensa lo spavento
a sentire la bocca indurirsi
l'aria soffiarti da parte a parte
svuotarsi come una zucca.


Clicca qui per ascoltare - e scaricare - su DivShare

6 commenti:

Anonimo ha detto...

musica per le mie migranti orecchie.

grazie,alfredo

amanda ha detto...

e sì la poesia in lingua è meglio ascoltata che letta


e poi lo sai che ti muta la voce quando parli la tua lingua?

sergio pasquandrea ha detto...

un po' è l'accento pugliese, un po' il mal di gola... ;-)

Alberto Forino ha detto...

caspita! Complimenti :)

Alle ha detto...

Complimenti, è veramente un bell'ascolto !
Anche nel paesello campano delle mie origini si dice "requia materna". Io ho passato la mia infanzia a chiedermi cosa ci fosse di tanto materno nella morte.

sergio pasquandrea ha detto...

grazie mille a tutti ;-)