mercoledì 11 aprile 2012

vecchi versi



Tu dici: "Sono ricco, mi sono arricchito; non ho bisogno di nulla",
ma non sai di essere un infelice, un miserabile, un povero, cieco e nudo.
(Apocalisse, 3, 17)

Non è un buon segno quando i fiumi scorrono alla rovescia
il Giorno del Giudizio si fa attendere
le tartarughe abbandonano il guscio

lo pensavo a Settignano una domenica sera al tramonto
mentre saziavo per la terza volta una fame ottusa
e la pioggia nera macerava i capannoni dell’Ikea

pensavo il vero gesto è lo scarto minimo
tra bellezza e fallimento l’odore sfuggito all’igiene
il decimale che sabota il calcolo

potrò aspettare in eterno nel parcheggio accanto
agli articoli invenduti i clienti continueranno a guidare a denti scoperti
e la finta Coca-cola a fermentare nei tubi.

(2006-2010)

8 commenti:

amanda ha detto...

quei clienti che guidano a denti scoperti mi angosciano più di tutto il resto

hzkk ha detto...

il capannone dell'Ikea a Settignano. fine della poesia

Dinamo Seligneri ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Dinamo Seligneri ha detto...

Perché fine della poesia? io lo trovo poetico, e mi sa pure Sergio, sennò non ci avrebbe scritto manco per reazione.

quei clienti che guidano a denti scoperti mi sa che sono i poveri come me, quelli che non si possono permettere l'artigiano e il falegname per farsi fare l'arma dio summisura e vanno, come me, all'Ikea dove costa meno...

mi sa che c'è più poesia all'Ikea che altrove. o almeno, penso, dovrebbe essercene.

ciao Sergio

hzkk ha detto...

@ Dinamo Seligneri: nulla contro l'Ikea. solo che quei capannoni
e i loro contenuti sono identici, ovunque.. così come diventano identiche le nostre angosce.
e a volte può bastare poco per sintonizzarsi con la poesia Sergio

hzkk ha detto...

di. di Sergio. nell'anteprima c'era "di"

sergio pasquandrea ha detto...

quello che mi angoscia è la fame che non riesce a saziarci. l'Apocalisse che non arriva.
probabilmente i denti scoperti ce li avevo anch'io.

fernirosso ha detto...

quel sabota...che mi ricorda il sabato di molti all'ikea, a padova.Da quando c'è ci passano tutti,belli poveri ricchi e brutti,studenti e ragazzini,faccendieri e ...no, i manichini sono qualche donzella che cerca una cestina, e finisce per andarsene con un armadio nuovo o un'intera cucina.